Considera di introdurre una sessione in cui non rispettare la dieta. I cicli intermittenti di digiuno e consumo di calorie stanno diventando sempre più popolari. Queste diete si basano sul principio che far assumere molte calorie al corpo è utile, perché evita che l'organismo rallenti troppo il metabolismo. A una settimana dall'inizio della dieta, concediti un giorno per mangiare di più — potrebbe esserti utile per avere successo.[10]
Alimenti indispensabili: per iniziare a dimagrire in una settimana ci sono alcuni tipi di alimenti che dobbiamo tener presente. Innanzitutto la verdura, ma non tutte le verdure, bensì quelle con pochi amidi perché aumentano l’assunzione di fibre e ci fanno sentire sazi prima. Altri cibi indispensabili sono quelli integrali i quali regolando il livello d’insulina, la quale favorisce l’accumulo di grassi, impediranno al vostro corpo di produrne altra. Una grande fonte d’insulina sono i carboidrati semplici, perciò è necessario ridurne l’assunzione.

Quando si digiuna la prima cosa che si va a perdere sono i muscoli, mentre la propria percentuale di grasso rimane esattamente così com’è. Questo è assolutamente controproducente in quanto i muscoli aiutano ad essere più tonici ed a sembrare più magri. Inoltre una volta che si torna a mangiare correttamente si ritorna immediatamente al proprio peso originale, senza aver perso nulla in grasso corporeo, quindi evitate. Per quanto riguarda le diete miracolose, quelle a sole proteine o con due o tre alimenti, anche in questo caso lasciate perdere. È ovvio che mangiando soltanto proteine si andrà a dimagrire, ma non è questo il modo corretto. L’organismo umano necessita dei carboidrati per funzionare correttamente, devono soltanto essere assunti nelle giuste quantità e nel modo corretto, mentre con queste diete proteiche si va si a dimagrire, ma anche in questo caso una volta conclusa la dieta si andranno a riprendere immediatamente i chili persi con fatica.
Per buttar giù la pancia servono 30-40 minuti di attività continuativa. Solo così si alza la temperatura corporea. L'esperta mi spiega perché: l'attività aerobica oltre la mezz'ora innesca una serie di reazioni chimiche che fanno entrare in gioco gli adipociti bruni, cioè le cellule che si “alimentano” di grasso e che continuano a consumarlo fino ad un paio d’ore dopo l’allenamento.

Come abbiamo già detto, il bouquet deve compensare l’abito ma deve essere in armonia con lo stile della sposa e questo implica che, anche le acconciature da sposa che siano devono essere prese in considerazione quando si tratta di scegliere i fiori. Attenzione quindi se la vostra idea è rivolta verso alcune tipologie nello specifico, in particolare le acconciature sposa semiraccolto che potrebbero prevedere l’uso del velo e/o dei fiori come ad esempio fermagli, coroncine ecc. ecc. Assicuratevi che il fioraio abbia chiaro il look che desiderate ottenere. Infine anche il make up è importante: un trucco sposa naturale e non troppo appariscente farà risaltare i colori dei fiori che comporranno il vostro bouquet.


La corsa è un allenamento completo, ma altre attività possono anche aiutare a perdere peso in modo sano. Mi sono data alla ricerca di varie alternative alla jogging perché io davvero non amo correre. Chi corre deve amarlo, ma al mio caso non entra tra le mie attività fisiche preferite. Nemmeno a scuola amavo correre, anzi le corte distanze andavano mene. Fare quei 100m senza problemi, ma correre costantemente più di un chilometro una tortura in terrena. Vedremo in seguito le alternative semplici per iniziare a muoversi. 
Consuma una quantità moderata di grassi saturi. Sono ancora in corso degli studi sulla pericolosità o meno dei grassi saturi. Dal momento che i grassi generalmente contengono una quantità maggiore di calorie e il tuo obiettivo è quello di dimagrire e ridurre il grasso corporeo, limita il consumo di questo tipo di grassi. Questi grassi sono presenti nei prodotti di origine animale come il burro, i formaggi ad alto contenuto di grassi, la carne rossa e il lardo.[19]
•Ecco un esempio di colazione per una pancia piatta: 250 ml di latte magro miscelato a caffè d’orzo e 5 g di proteine di siero di latte; 1 fetta di pane integrale con 2-3 cucchiaini di sciroppo d’acero, miele o marmellata; 1 frutto di stagione. Per gli intolleranti al latte, utilizzare latte di mandorle o di riso e proteine dell’albume d’uovo (le trovi nei negozi specializzati in integratori per lo sport).
•A cena è bene ridurre un poco l’apporto dei carboidrati, basteranno quindi 60 g di riso, pasta o orzo, oppure 50 g di pane integrale. Le verdure dovranno essere almeno 250 g, da consumare preferibilmente cotte.  Per quanto riguarda l’alimento proteico, scegline uno che non hai già consumato a pranzo. E se desideri un dessert, opta per mele o pere al forno con cannella (regolarizza l’indice glicemico). https://www.youtube.com/watch?v=cIWBSfa-FLA
×