Ti sei mai chiesta, cara sposina,   perché le fedi sono realizzate proprio in oro?   L’oro, nella religione Cristiana,   simboleggia l’eternità, soprattutto quando è giallo. Non è un caso che gli sfondi dei dipinti religiosi siano realizzati proprio su fondali di questo colore e che le aureole dei santi siano spesso realizzate in oro. Inoltre la fede non dovrebbe avere pietre, per non interrompere la perfezione data dalla sfera.
Questa dieta è decisamente pericolosa. Può portare, soprattutto in piena estate, ad abbassamenti di pressione, debolezza e astenia. È fortemente ipocalorica ma ha un alto quantitativo di frutta che presenta un indice glicemico molto alto, il quale predispone, quando la frutta è mangiata da sola, a un repentino rilascio di insulina. Tutto questo, a lungo andare, non solo non fa bene al corpo ma, soprattutto, fa si che il potere saziante sia molto basso, di conseguenza si ha continuamente fame. Inoltre, mancano in questo tipo di alimentazione i grassi, le fibre e la quota proteica è troppo ridotta.
Tra le varie collezioni (specialmente quelle di abiti da sposa 2016), vi è sempre una gran quantità di abiti da sposa in pizzo francese. Sempre più spesso, che sia sulle passerelle di Londra, Parigi, Milano o New York, sono decine i capi realizzati totalmente in pizzo francese. Certo, si tratta di un evergreen, ma i motivi di tanto successo a distanza di anni non può di certo essere ascritto a quest’unico fattore: il romanticismo che ancora oggi emana un abito da sposa in pizzo francese non conosce età! Le decorazioni come un ramo che si interseca e sale lungo la gonna, o le immancabili rose che si schiudono lungo la spalla, sono tutti elementi che regalano al pizzo francese un fascino senza tempo.
Avvisiamo che il sito dimagrireduepuntozero.com, ogni sua pagina e ogni articolo in esso contenuto non costituiscono parere medico e non dovranno mai essere interpretati come consigli di natura medica. E’ necessario, oltre ad essere vivamente raccomandato, chiedere indicazioni al proprio medico di fiducia prima di sottoporsi a qualsiasi programma alimentare o di allenamento. Espressioni quali "perdi 5 chili in 7 giorni" e similari non sono riconosciute dagli autori come proprie ma vengono riportate a mero scopo illustrativo, in quanto riproducono la presentazione pubblicitaria che volta a volta è stata fatta dei singoli programmi.
Se non avete molto tempo per praticare uno sport, ponetevi l'obiettivo di camminare velocemente o andare a correre almeno mezz'ora al giorno: darete una bella svegliata al vostro metabolismo e brucerete moltissimi grassi! Potrebbe esservi utile utilizzare un contapassi per aiutarvi a monitorare il numero delle calorie bruciate e incentivarvi a fare più movimento.
Ad oggi, sono stati proposti vari metodi di tipo fisico come: il massaggio localizzato (automassaggio, fasce vibranti, massagiatori automatici ecc), il riscaldamento (saune, bagni turchi, fasce elastiche sintetiche ecc) e, infine, l'esercizio fisico localizzato. Proprio in merito a quest'ultimo, negli ultimi 40 anni i ricercatori hanno svolto moltissimi approfondimenti, alcuni dei quali con esiti contrastanti, ma la maggior parte di essi è indubbiamente orientata a smentire questa teoria.
Anche facendo una dieta chetogenica equilibrata è comunque necessario avere bene a mente che non bisogna riprendere a mangiare in modo irregolare una volta terminata e che il controllo su noi stesse è uno step obbligato da raggiungere, altrimenti si tornerà sempre al punto di partenza, rimettendo i chili persi e magari aggiungendone altri. Tutto questo può scatenare un vero e proprio loop fatto di insoddisfazione e senso di colpa che non meritiamo e che, con davvero pochi accorgimenti, possiamo tranquillamente evitare. Per quanti sforzi facciamo, non c'è e non ci sarà mai una dieta efficace a tal punto da consentirci di mangiare junk food, ossia cibo spazzatura, senza pagarne il prezzo.
Per chi ha un fisico “a clessidra”, quindi proporzionato, l’abito da sposa ideale è il modello a sirena, anche se tutti i modelli saranno perfetti per far risaltare tutti i punti di forza di una corporatura proporzionata. Per le donne con un fisico “a pera”, cioè con spalle strette e fianchi larghi, l’abito da sposa adatto a valorizzare la parte superiore è uno stile a impero o a principessa; anche per chi ha un fisico “a mela” è indicato un abito da sposa a impero o a principessa, capace di valorizzare la scollatura. Chi ha un fisico “a triangolo capovolto”, invece, con spalle larghe e fianchi stretti, potrebbe optare per un modello a sirena; infine, chi ha un fisico “a rettangolo”, con le spalle e i fianchi della stessa larghezza, la futura sposa dovrà puntare a valorizzare le forme e le curve femminili, con scolli a cuore e importanti decorazioni. https://www.youtube.com/watch?v=7IB1AUnLuLs

Tutte le bevande alcoliche contengono una grande quantità di calorie, specialmente quelle zuccherate. L’alcool ha diversi effetti negativi sul corpo, tra cui quello di depositare il grasso nella zona addominale. Questo perché quando si bevono alcolici, il corpo smette di bruciare grassi e zuccheri per produrre energia e inizia a usare l’alcool come combustibile.


Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.
Sappiamo l’ esercizio riduce la perdita di massa, ciò non significa che sia la perdita di massa grassa. Come noi anche il corpo prende dove gli delizia di più e questi sono gli muscoli. E scizzinoso come noi non gli piace il grasso, Durante gli esercizi fisici non viene eliminato come prima cosa il grasso ma preferisce iniziare dal muscolo.  La dieta dimagrante, pertanto, è essenziale per la cura dei muscoli e nel frattempo la perdita di massa grassa. Per questo quando cominciamo a fare esercizi fisici il primo mese aumentiamo di peso non dimagriamo. Cominciamo a fare la massa muscolare che è più pesante del grasso. 
Dopo una seconda colazione al rifugio, proseguiamo sul sentiero n. 22 in direzione ovest. Da quì il sentiero di montagna richiede un passo sicuro ed è idoneo solo per chi è allenato! Fino al Lago di Campofosso (45 minuti dal rifugio) il sentiero si presenta sassoso e roccioso. Dal lago proseguiamo per il segnavia 22 per roccie e sassi, qualche tratto è anche un pò esposto e richiede l’assenza di vertigini. Dopo poco tempo siamo finalmente in vetta alla Cima di Terento (2.738 m s.l.m.) e da quì si può ammirare tra l’altro la Val di Fundres, Terento e dintorni da una prospettiva diversa. Per il ritorno scegliamo lo stesso sentiero. https://www.youtube.com/watch?v=tp4EvMoeYq0
I primi nemici del peso in eccesso sono gli zuccheri e di conseguenza gli alcolici. Eliminate totalmente le bevande alcoliche e se proprio vi trovate ad una cena di gala e non riuscite ad evitare, bevete solo un bicchiere di vino preferibilmente rosso. Per quanto riguarda gli analcolici invece rivolgetevi alle preziose tisane brucia grassi e raccomandatevi di bere molta acqua.

La dieta invece procede normalmente e sono abbastanza ligia al dovere, ma non troppo rigida. Anche perché ho già testato sulla mia pelle che troppe privazioni mi portano ad abbuffarmi alla prima occasione in cui sono libera per poi ricominciare di nuovo a prendere peso. Preferisco un peccato ogni tanto (soprattutto quando mi colpisce la famigerata PMS), ma riuscire a continuare il mio percorso. Ovviamente mangio i carboidrati a pranzo i giorni in cui devo allenarmi (da regime dovrei mangiarli quattro volte la settimana, come gli allenamenti, ma diciamo che al momento sono più i giorni in cui mangio i carboidrati di quelli in cui vado in palestra) e proteine negli altri tre. Non so come proceda la perdita di peso, perché con il mio nutrizionista abbiamo un accordo per cui lui non mi dice il peso finale, ma solo quanto ho perso a ogni visita. In realtà lo vedo dai vestiti... Nei jeans che prima mi stavano giusti ora posso infilarci tranquillamente 4 dita (sono a dieta da metà novembre eh, non ho iniziato ieri!). Altrimenti sarei stata davvero brava e il mio nutrizionista sarebbe fiero di me, ma non è questo il caso. E comunque ho un paio di jeans che conservo da quando ero magra e in cui vorrei davvero rientrare. Per amor di cronaca, l'ultima volta che li ho provati un mesetto fa mancavano ancora 5 dita di fianchi e almeno 3 cm per coscia. Ma soprattutto... I fianchi sono il mio incubo!
Ma perché anche chi si allena in palestra non riesce a buttare giù questo rotolino? Decido di intervistare la dottoressa Elena Casiraghi, esperta in nutrizione e responsabile dell’Enervit Nutrition Center for Sport&Wellness a Milano. Elena è anche un'appassionata di triathlon (sport che sta conquistando sempre più donne), quindi tutto ciò che dice, è frutto di una sperimentazione, diciamo, "sulla sua pelle". Ecco le sue dritte, utilissime per tutte, a qualsiasi età.
Per quel che concerne il protocollo di attività fisica, quello misto è senz'altro il più completo ma necessita di un'organizzazione molto accurata; pertanto, dovrebbe essere stilato da un professionista. L'alternativa più sicura è sempre quella dell'attività aerobica moderata e protratta, ovviamente nel rispetto di eventuali patologie o condizioni speciali.
Il secondo metodo è più "moderno" e rivoluzionario, ma non sempre condiviso; viene frequentemente associato a regimi nutrizionali alternativi (spesso caratterizzati da scarsità di glucidi, ricchezza in proteine e talvolta povertà di grassi) e si basa sul concetto di aumento del consumo di ossigeno a riposo. Questo parametro, che normalmente dipende dalle funzioni basali, dopo un certo tipo di attività fisica aumenta proporzionalmente all'intensità ed al tempo di esercizio. Ecco che il protocollo di dimagrimento sfrutta un sistema indiretto, basato su sessioni ad altissima intensità, quasi totalmente anaerobiche lattacide e spesso intervallate, pertanto di minor durata (High Intensity Training - HIT o High Intensity Interval Training - HIIT) https://www.youtube.com/watch?v=-kQpTMkQo3Y
×