«Dimagrire significa perdere l’eccesso di grasso corporeo mantenendo la massa magra, cioè la massa muscolare, insieme a un corretto stato di idratazione – continua Cancello – Quando compare la pancia il consiglio pratico è di stare attenti ai grassi (insaccati, salse, formaggi, ecc) e ai grassi nascosti, per esempio, nei prodotti confezionati in vendita al supermercato. Meglio verificare l’etichetta e scegliere i prodotti che abbiamo un contenuto di grassi al massimo del 12% e non superiore.»
Altro consiglio per rimettersi in forma al più presto è di evitare di mangiare troppo spesso fuori con gli amici; che sia ristorante, pizzeria o pub, per non ingrassare l'ideale è mangiare cibi cucinati da voi stesse, in modo da sapere per certo il contenuto e come sono state cucinate, quindi se con poco olio, che non siano state fritte, con alimenti di qualità ecc.
Abbigliamento Abitazione Aforistica Agricoltura Alimentazione Ambiente Amore Anatomia Animali Animalismo Arte Astronomia Atteggiamenti Autori Inediti Autori-Americani Autori-Arabi Autori-Argentini Autori-Australiani Autori-Austriaci Autori-Belgi Autori-Bulgari Autori-Canadesi Autori-Cinesi Autori-Cubani Autori-Francesi Autori-Giapponesi Autori-Greci Autori-Indiani Autori-Inglesi Autori-Irlandesi Autori-Israeliani Autori-Italiani Autori-Libanesi Autori-Maltesi Autori-Messicani Autori-Nordeuropei Autori-Polacchi Autori-Portoghesi Autori-Romani Autori-Rumeni Autori-Russi Autori-Serbi Autori-Sloveni Autori-Spagnoli Autori-Sudamericani Autori-Svizzeri Autori-Tedeschi Autori-Turchi Autori-Ungheresi Azioni Battutario Bevande Biologia Calcio Calendario Caratteristiche Citazionario Colori Comunicazione Condizione Costruzioni Cultura Donne Droghe Economia Età Eventi Famiglia Fede Festività Filosofia Fisiologia Frasario Frasi utili Geografia Geometria Gioielli Incredulità Intrattenimento Istruzione Lavoro Legalità Letteratura Linguistica Mass-media Matematica Materiali Medicina Mente Mestieri Meteo Militare Mitologia Moda Morale Morte Motivazione Musica Natura Nautica Occultismo Oggetti Personaggi Piante Poesie Politica Procreazione Proverbi Psichiatria Psicologia Psicopatologia Qualità Relazioni Salute Scienza Sensazioni Sentimenti Serie-TV Sessualità Società Sonno Spiritualità Sport Storia Strumenti Stupidità Tecnologia Tempo Tipi Trasporti Uccelli Umanità Umorismo Vario Viaggio Violenza Vita https://www.youtube.com/watch?v=qWKAvHO9TQo
Fai attività cardio. Esegui degli esercizi aerobici che aiutano il cuore a pompare intensamente, permettono di bruciare rapidamente calorie e facilitano la perdita di grasso in tutto corpo, pancia inclusa. Ricorda che non è possibile bruciare i grassi localizzati, ma l'adipe addominale è in genere quello che si perde per primo quando ci si allena, indipendentemente dalla forma o dimensione del corpo.[10]

I primi nemici del peso in eccesso sono gli zuccheri e di conseguenza gli alcolici. Eliminate totalmente le bevande alcoliche e se proprio vi trovate ad una cena di gala e non riuscite ad evitare, bevete solo un bicchiere di vino preferibilmente rosso. Per quanto riguarda gli analcolici invece rivolgetevi alle preziose tisane brucia grassi e raccomandatevi di bere molta acqua.
Quando si raggiunge una certa età, diventiamo tutti un po ‘di peso cosciente. Fare tentativi di perdere peso può essere molto utile in quanto vi sono molti vantaggi dello stesso, tuttavia, questi tentativi non devono trasformarsi in un’ossessione. Se siete in sovrappeso / obesi, perdere peso non ti terrà lontano da tutte le malattie correlate grassi, ma anche farti sembrare più sottile e migliorare i vostri livelli di fiducia.
3) Tipo di accumulo. La presenza di un fenotipo corporeo androide, ovvero di accumulo nella parte centrale del corpo, rappresenta un fattore di rischio. Questo fenotipo è tipico degli uomini, ma interessa anche una percentuale non indifferente di donne. Attenzione, l’uomo, per sua natura, mostra già una tendenza ad accumulare sull’addome, ma quello che preoccupa maggiormente è l’adipe viscerale (non afferrabile). Il grasso sottocutaneo addominale è anch’esso un fattore di rischio, ma meno importante dell’adipe viscerale.

Le mandorle sono il cibo più consigliato per combattere la pancia gonfia: contengono grassi sani, polinsaturi e monoinsaturi, che prevengono l’eccesso di cibo. Uno studio pubblicato di recente dal Journal of Clinical Nutrition ha dimostrato come le mandorle riescano a sopprimere temporaneamente lo stimolo della fame, che spesso è causa di problemi di peso; inoltre sono valide alleate nella prevenzione di malattie cardiache anche gravi. Non ultimo, hanno un alto contenuto di magnesio.
Il basso apporto calorico può creare affaticamento. Non è raro aumentare di qualche chilo di troppo, una volta arrestato il regime alimentare rigido della zuppa. Sapendo questo, è indispensabile per perdere i chili di troppo effettuare una transizione a una dieta equilibrata fino alla raggiungimento del peso ideale. Alla fine di preservare la linea non dovresti riprendere le cattive abitudini, altrimenti si recupereranno in fretta i i chili persi.
Il grasso viscerale si può misurare in ambulatorio e ed è possibile farlo in un modo molto preciso con l’analisi della composizione corporea. L’esame si chiama Bia, Body Impedance Analysis, e insieme al peso corporeo serve a individuare dov’è localizzato il grasso. Di solito questo esame si fa nel corso di una visita dietologica, con una macchina che registra l’impedenza che una corrente elettrica incontra nell’attraversare il nostro corpo.
Non saltare i pasti. Anche se fossi tentato di saltare la colazione o non mangiare per un giorno, dovresti resistere e non farlo. Il digiuno prolungato può portare alla diminuzione della massa muscolare e altri problemi di salute, ma può anche rendere più difficile il dimagrimento. Quando il corpo umano non riceve abbastanza nutrimento, inizia automaticamente a conservare calorie rallentando il metabolismo. Potresti notare un dimagrimento significativo nei primi giorni, ma alla fine delle due settimane, probabilmente lo riprenderai tutto.[6]
Per affinare la silhouette, il cardio è benvenuto, consentono tutti i tipi di formazione come corsa, biciclette, saltare la corda per bruciare calorie. Praticare con constanza è sufficiente intensità. Questi sport possono tonificare la silhouette in generale, ridurre il grasso e aumentare la temperatura corporea, quindi attivare il metabolismo e consumare questi grassi stessi.
Perché allora i crunch non sono altrettanto efficaci? Perché l’unica angolazione in cui l’esercizio funziona è 30 gradi, angolo facile da individuare: è il punto in cui le punte inferiori delle scapole iniziano a staccarsi da terra. Da questo angolo in poi, però, qualsiasi altro movimento è provocato dai muscoli flessori della coscia. In pratica, o siamo sicure di sollevarci esattamente di 30 gradi, o è meglio lasciar perdere perché, oltre a fare un esercizio inefficace, si finisce solo per procurarsi delle lombalgie.
Noia a parte, perché camminare senza una meta per 60 minuti è stremante (e non in senso fisico), è solo la musica che mi aiuta a tenere il ritmo. Io stimo davvero tutti quelli che trovano piacere nella corsa, ma personalmente non riesco a trovare un solo motivo per cui non dico che mi appassioni, ma anche solo che non me la faccia odiare. Proprio non mi piace, ma lo faccio solo perché ho il fermo obiettivo di perdere peso e di farlo in maniera sana e camminare mi aiuta a raggiungere lo scopo. A darmi il colpo di grazia ci sono dei simpatici dolorini che sopraggiungono dopo i 40 minuti: puntuali come un orologio svizzero iniziano a farmi male l'anca e le piante dei piedi. Non so se stai incontrando anche tu i miei stessi problemi, ma se così fosse ecco cosa consiglia il Dott. Rosa:
«Ci sono cibi che creano un po’ di aria e gonfiore intestinale che può andare ad aumentare il disagio creato da una certa massa di adipe che si è localizzato proprio sull’addome e che amplifica problema – spiega Cancello – Se oltre al grasso c’è anche questa problematica per migliore la sintomatologia del gonfiore intestinale si può provare la dieta Fodmap, che in pratica prevede una riduzione di alimenti con zuccheri che fermentano, come per esempio la mela.»

Seguire un’alimentazione sana e fare sport non sono gli unici due elementi che vi porteranno a dimagrire velocemente. La costanza, seppure nel breve termine, verrà premiata sempre ed è importante che gli sgarri siano davvero pochi. Per questo preparate a casa la schiscetta da portare in ufficio, in modo da sapere sempre cosa mangiate, in quale quantità e con quale apporto calorico. Inoltre per non perdere del tempo prezioso eccovi 8 esercizi infallibili da fare dietro alla scrivania>>
Usate l’alimentazione come uno strumento per dimagrire velocemente, giocando con gli alimenti in maniera intelligente. Per esempio il cibo al quale dovete stare più attenti sono i carboidrati, quindi usati in maniera intelligente. Potete assumere carboidrati due ore prima di andare in palestra o fare una camminata, oppure se l’allenamento in palestra o in bicicletta è pesante usateli anche dopo l’allenamento per recuperare, soprattutto se vi allenate anche con i pesi. In questo caso i carboidrati andranno soltanto a reintegrare le energie spese.
La sibutramina è un farmaco che sopprime l’appetito, ma ne è stato proibito l’uso; è in grado infatti di aumentare la pressione e il ritmo cardiaco. È sconsigliato assumerla se in passato avete sofferto di ipertensione, problemi cardiaci o ictus. Tra gli altri effetti collaterali ricordiamo: bocca secca, mal di testa, costipazione, ansia e problemi nel sonno.

Sfrutta anche le piccole opportunità per allenarti. Se stai guardando il tuo programma preferito, approfitta delle pubblicità per fare qualche flessione. Quando lavi i piatti, balla. Attraversa il corridoio facendo degli affondi. Ti sembrerà sciocco, ma tutte queste piccole cose fanno la differenza, e ti permetteranno di avere una vita più snella e muscoli più tonici.
Capita a volte che nel tentativo di ridurre il punto vita si ottengano risultati contrari a quelli sperati. Per esempio il continuo allenamento dei muscoli addominali può causare una eccessiva ipertrofia degli stessi che si traduce in un incremento del volume muscolare e di conseguenza del giro vita (ipotesi in realtà piuttosto rara soprattutto in una donna) . Se però a questo fenomeno, sia pur ridotto, si associano gravi errori nella esecuzione degli esercizi per gli addominali, l'influenza dell'allenamento sull'aumento del giro vita diventa importante.
Abito da sposa e cerimonia su misura scivolato, realizzato in chiffon con bustino stretto a cuore impreziosito da decorazioni di cristalli e strass luminosissimi. L'abito cade morbido e forma dei leggeri volant. Reggiseno interno e chiusura sul retro con zip e lacci.L'abito non è preconfezionato, ma sarà realizzato appositamente per te e cucito sulle tue misure.
Crea bei ricordi di questo viaggio dopo il parto documentandolo con le foto. Sfrutta appieno la tua fotocamera e cattura quelle splendide curve che accompagnano la gravidanza. E non lasciare il tuo bambino fuori, come sono colui che rende questa volta ancora più speciale. Adesso è il momento di assaporare e ogni giorno prenderai cura di queste immagini mentre la vita scorre. Puoi anche creare un album o un video di casa che puoi goderti con il tuo bambino qualche anno dopo.

Il grasso nell'area addominale è associato a molti disturbi e malattie, come patologie cardiovascolari, diabete e cancro. Nello specifico, si tratta dello strato più profondo dell'adipe della pancia che mette a rischio la salute; questo perché le cellule di grasso "viscerale" producono in realtà degli ormoni e altre sostanze.[1] Esistono molti stratagemmi pericolosi e inefficaci per perderlo; sebbene non esista alcun rimedio infallibile specifico per l'adipe della pancia, questo articolo descrive la causa dell'aumento del girovita e cosa fare per eliminarlo.
Un’abitudine che spesso abbiamo durante i pasti è quella di bere molte bevande zuccherate e gassate, questo è un altro punto da sostituire immediatamente! Bere fa bene al nostro organismo, perché ci permette di eliminare più facilmente le scorie presenti nel nostro corpo e rende le nostre feci molto più morbide, aiutandoci nell’evacuazione e migliorerà la nostra digestione. Le bevande zuccherate poi sono una vera e propria bomba calorica per il nostro fisico, ed in questo  momento di ‘lotta al grasso’, sarà molto importante annullarle dalla nostra dieta quotidiana. L’acqua invece sarà il nostro alleato numero uno, e durante la giornata sarà fondamentale assumere circa due litri di liquidi al giorno, dose che andrà aumentata nel periodo estivo, visto anche il superiore numero di liquidi di cui il nostro organismo necessiterà, dovuto alle sudate estive. Ecco un video che vi spiegherà meglio cosa accade bevendo liquidi molto zuccherati

Una credenza errata che ancora molti di noi hanno è che ‘meno mangio, più dimagrisco‘: nulla di più sbagliato! Il nostro metabolismo ha una memoria, se noi lo abituiamo a mangiare poco, e sempre le stesse cose, arriverà il momento in cui questo si ‘addormenterà’, non agendo più in modo efficace sul nostro peso. Quello che consigliano i nutrizionisti più esperti è infatti fare tanti pasti ma equilibrati: il pasto più importante è da sempre la colazione. Quando ci svegliamo la mattina, infatti, il nostro organismo avrà le ‘riserve’ nutrizionali completamente vuote: è durante la notte che il nostro corpo rigenera le cellule e gli organi che lo compongono, arrivando alla mattina completamente svuotato sia dai nutrimenti che dai liquidi assunti il giorno prima. Per questo diventa fondamentale iniziare la giornata con almeno un bicchiere d’acqua, meglio se tiepida (aiuta a risvegliare il metabolismo) e con un apporto equilibrato sia di grassi, di proteine e di carboidrati. Successivamente gli step da seguire saranno uno snack a metà mattina, seguito dal pranzo, per poi arrivare ad uno snack pomeridiano, concludendo poi con la cena. La ‘regola’ che potremmo adottare, se così possiamo chiamarla è: colazione da regine, pranzo da principesse e cena da povere, per riassumere in modo semplice ma chiaro il diminuire gradualmente la quantità dei pasti che andremo a fare durante la giornata.


L'equilibrio nutrizionale prevede una ripartizione dei macronutrienti energetici pari a: circa il 45-65% di carboidrati, il 25-30% di lipidi ed il resto dell'energia rimanente in proteine; le percentuali possono variare leggermente. Inoltre, la dieta deve garantire l'apporto di sali minerali e vitamine, oltre che di fibre ed altre componenti nutrizionali (fitosteroli, lecitine, polifenoli ecc) https://www.youtube.com/watch?v=-MqB5nq2z2w
×