Oppure, se ami  mangiare o  cucinare, potresti utilizzare questo come tema, e quindi individuare nomi di piatti tradizionali, di spezie da cucina, di salumi, se non vuoi essere troppo seriosa, oppure nomi di formaggi, di frutta, di pasta per il tuo tableau. Se siete una  coppia romantica, potrai individuare tutti i nomi che hanno a che fare con il  tema dell’amore, quindi sentimenti ma anche coppie di innamorati storici, come Adamo ed Eva, Renzo e Lucia, o coppie Disney.
Ma come possono tutti questi esercizi aumentare il punto vita? In realtà, non si verifica un aumento del punto vita ma un'alterazione dell'equilibrio fisiologico del bacino con conseguente iperlordosi lombare e apparente rigonfiamento addominale. La pancia, in sostanza, appare più gonfia, più in fuori anche se in realtà la massa grassa non è aumentata.
Per chi ha un fisico “a clessidra”, quindi proporzionato, l’abito da sposa ideale è il modello a sirena, anche se tutti i modelli saranno perfetti per far risaltare tutti i punti di forza di una corporatura proporzionata. Per le donne con un fisico “a pera”, cioè con spalle strette e fianchi larghi, l’abito da sposa adatto a valorizzare la parte superiore è uno stile a impero o a principessa; anche per chi ha un fisico “a mela” è indicato un abito da sposa a impero o a principessa, capace di valorizzare la scollatura. Chi ha un fisico “a triangolo capovolto”, invece, con spalle larghe e fianchi stretti, potrebbe optare per un modello a sirena; infine, chi ha un fisico “a rettangolo”, con le spalle e i fianchi della stessa larghezza, la futura sposa dovrà puntare a valorizzare le forme e le curve femminili, con scolli a cuore e importanti decorazioni.
Colore, forma e tessuto dell’abito sono aspetti importanti da tenere a mente quando si sceglie il bouquet. Quest’ultimo, infatti, è l’accessorio della sposa per eccellenza oltre alle scarpe eleganti per il vostro gran giorno, e deve essere in perfetta armonia con il suo look, soprattutto con l’abito. Come regola generale, considerate che per abiti da sposa semplice o minimal, che dir si voglia, potete osare un mazzo di fiori elaborato per dare quel tocco in più al vostro stile. Per abiti molto elaborati e che prevedono anche il velo, meglio optare per un bouquet più sobrio, in grado di compensare il look.
Non tentare di dimagrire troppo in fretta. Le diete crash e i farmaci che promettono di perdere peso sono in genere dannosi per la salute e non sono efficaci nel lungo periodo. Resisti alla tentazione di prendere la via "facile" e attieniti invece a uno stile di vita sano; in questo modo, perdi peso e mantieni quello ottenuto nel lungo periodo, oltre a migliorare le condizioni di salute.
Il primo, quello più tradizionale, si basa sull'ossidazione diretta dei lipidi all'interno delle cellule muscolari. Questo tipo di attività fisica deve avere le seguenti caratteristiche: lunga durata (non meno di 25-35', fino a 60-90') e intensità compresa nella così detta fascia aerobica, tendenzialmente lipolitica, che varia in base alla soggettività ma è sempre inferiore alla soglia anaerobica. In pratica, più a lungo ci si allena a intensità moderate, più aumenta lo smaltimento dei lipidi (utilizzati per sopperire alle richieste energetiche dell'allenamento)
Per capire la quantità di proteine che ognuno di voi dovrà consumare ogni giorno vi consigliamo, se ne avete la possibilità, anche di fare una misurazione con le suddette pedane impedenziometriche da un nutrizionista, da un personal coach o da un dietologo, in modo che sia un professionista a farvi il calcolo iniziale in base alle vostre esigenze ed in base alla vostra composizione corporea. Assolutamente NO alle diete dell’amico o del vicino di casa, quello che arriva da te e dice ‘prova questa dieta che mi hanno dato, ho perso chili in pochissimo tempo!’. Se quella dieta gli è stata data da un professionista, questo avrà lavorato sul SUO fisico, sulla SUA struttura, non sulla vostra! Meglio spendere qualche soldo in più ma essere certi di quello che andremo a fare, il nostro corpo va protetto sempre, è il patrimonio più importante e delicato che abbiamo!
L'equilibrio nutrizionale prevede una ripartizione dei macronutrienti energetici pari a: circa il 45-65% di carboidrati, il 25-30% di lipidi ed il resto dell'energia rimanente in proteine; le percentuali possono variare leggermente. Inoltre, la dieta deve garantire l'apporto di sali minerali e vitamine, oltre che di fibre ed altre componenti nutrizionali (fitosteroli, lecitine, polifenoli ecc) https://www.youtube.com/watch?v=-MqB5nq2z2w
×